Festival del Sigaro Avano

   

La stagione principale per la coltivazione del tabacco, a Cuba, inizia dalla metà di Settembre e dura fino alla fine di Marzo che è il periodo durante il quale si possono osservare i principali processi di lavorazione e che consentono di mostrare le piantagioni dalla semina al raccolto e alla successiva essicazione.

Qualora il vostro interesse fosse maggiormente rivolto a visitare le fabbriche e comprare sigari speciali o vedere come si fanno, possiamo organizzare una visita in qualsiasi periodo dell’anno nelle manifatture..

Il sigaro cubano è fatto di una combinazione di cinque foglie differenti di cui tre (el volado, el seco e il ligero), compongono il trinciato e la miscela di questi tre determina il sapore. Quindi si aggiungono el capote e la capa, quest’ultima è una foglia larga che va sopra il trinciato. Più sottile e squisita è quella che da al sigaro una rifinitura morbida ed argentata.

Queste foglie si ottengono da due tipi di tabacco molto diversi: Il ‘’corojo’’ che cresce sotto una tela di mussolina che funge da schermo protettore del tabacco proteggendolo dal sole ed assicura altresì una rifinitura finale morbida ed argentata della capa. E il ‘’criollo’’ che si raccoglie in piena luce del sole.

La raccolta delle foglie di tabacco si realizza manualmente. Le foglie si cuciono insieme a coppia, si appendono a pali di legno della capacità di raccoglierne cento, poi si collocano negli essicatoi per un processo che dura più di cinquanta giorni. Quando le foglie sono pronte si inviano in apposite ‘’case’’ per farle fermentare e si impacchettano in mucchi per una prima fermentazione della durata di circa trenta giorni.

Successivamente si procede a togliere il ‘’nervo’’ delle foglie ed una seconda e più intensa fermentazione di circa 60 giorni. Le foglie poi si stendono per alcuni giorni per permettere loro di perdere l’eccesso d’umidità Prima di impacchettarle con paglia, avvolta in foglie di palma, per essere trasportate in fabbrica all’Avana.

Una volta che le cappe arrivano alla fabbrica, si classificano per colore, misura, struttura e prima di essere inviate all’area si arrotolano i sigari. Le quattro foglie del ‘’criollo’’ si lasciano ad invecchiare per periodi differenti in dipendenza del tipo. Il Maestro ‘’Mezclador’’ si incaricherà di scegliere le foglie secondo la loro misura ed inviarle al reparto dove si arrotolano i sigari.

Questa è solo una breve descrizione del processo. Per capirlo veramente vi invitiamo a venire a vederlo personalmente.